Sebastiani Paolo

LE MIGALI

 

HOME

LE MIGALI

new

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BENVENUTI

Questo piccolo sito è dedicato alle migali. La parola "migale" deriva da Mygalomorphae che nella classificazione degli aracnidi rappresenta un sottordine: ovvero un raggruppamento di ragni aventi certe caratteristiche comuni. Per intenderci il sottordine migalomorphae raggruppa, tra i vari aracnidi, le cosiddette "TARANTOLE" o meglio quegli animali che per consuetudine (ma non scientificamente) sono identificati come tali. Nell'immaginario comune le "tarantole" sono spesso associate ad un sentimento di repulsione a causa delle loro dimensioni, del loro aspetto "peloso" e soprattutto per la loro presunta pericolosità. Ma per molti (me compreso) il mondo delle migali è un mondo affascinante pieno di colori e comportamenti caratteristici di questi fantastici animali. Innanzitutto vorrei sfatare il luogo comune che ha accompagnato e che continua ad accompagnare questi animali: LE MIGALI NON SONO PERICOLOSE PER L'UOMO semmai è l'ottusità dell'uomo a rappresentare un pericolo per queste specie.

Questo sito non ha finalità scientifiche. Per cui chi volesse meglio conoscere le migali può visitare ARACNOFILIA-centro studi e ricerche sugli aracnidi su www.aracnofilia.org .

Ciò che mi ha spinto a creare queste pagine è la passione che mi ha accompagnato fin da ragazzo di raccogliere foto sulle migali. Queste foto mi hanno sempre affascinato per la varietà di colori e forme che le contraddistinguono ed ancora oggi rimango stupefatto davanti alla livrea di una Brachypelma smithi o una Poecilotheria regalis. La passione mi ha portato ad intraprendere l'allevamento di questi fantastici ragni con grande soddisfazione e dedizione ed infine l'avvento della fotografia digitale mi ha permesso di realizzare il sogno di fotografare le migali in modo semplice e poco costoso. In conclusione questo sito ha l'unica funzione di raccogliere foto e condividerle con chi ha la stessa mia passione.

 

Per suggerimenti o chiarimenti scrivimi su:

Sebastiani Paolo